Curva Nord Milano 1969

Estratto dalla fanzine di Inter-sampdoria: CESENA.FALLIMENTO DELLA TESSERA DEL TIFOSO E COREOGRAFIA VIETATA

Qui di seguito vi riportiamo un estratto dell'articolo Zona Covo all'interno della Fanzine che verrà distribuita questa sera in occasione di Inter-sampdoria:

 

"

...

Terzo. CESENA. FALLIMENTO DELLA TESSERA DEL TIFOSO E COREOGRAFIA VIETATA

Non vi raccontiamo di certo qui il resoconto della trasferta che rinviamo alla prossima fanzine per esigenze di tempo e spazio.

Però intanto possiamo fare due considerazioni:

la prima che il settore ospiti a Cesena era gremito di migliaia di persone.

Non tutti Ultras (peccato) ma tante tante famiglie con bambini (fantastico) che mai notiamo nei settori ospiti in giro per l’Italia…

Motivo:

per questioni puramente economiche (ci mancherebbe capiamo anche) il Cesena ha deciso di aderire all’iniziativa “porta due amici” (una persona con tessera del tifoso può portarne due senza tessera).

Risultato: settore ospiti strapieno da non riuscire a muoversi all’interno.

Morale: Ma a che cazzo serve ancora tenere in piedi “il circo di menzogne” legato all’identificazione e al business di una pseudo carta di credito???

Il programma tessera del tifoso è fallito totalmente.

Non ha più senso di esistere. E’ morto. Defunto. Obsoleto.

Inoltre (come recitava lo striscione dei cesenati, molto bello) la tessera del tifoso non avrebbe dovuto garantire sicurezza (e tutte le palle che raccontava il ministro maroni ) ed evitare che il governo dovesse inasprire ulteriormente la legge speciale da stato cileno che già era in vigore per gli Ultras???

 

Inoltre, per dimostrarsi con un cervello superiore alla media, la polizia di cesena ha vietato l’ingresso di una coreografia che avevamo preparato per l’occasione.

Un enorme biscione simbolo di Milano che avrebbe coperto la parte centrale dei due anelli del settore ospiti, uno striscione che avrebbe coperto tutta la lunghezza della transenna con la scritta “com’è bello il mondo insieme a te” e 4000 cartoncini blu-neri-gialli a fare da sfondo.

 

Come ogni trasferta non abbiamo richiesto nessuna autorizzazione che in teoria va chiesta.

Ci mancherebbe.

Le regole (IGNORANTI E SENZA ALCUN SENSO) vanno rispettate.

Però una volta constatato il contenuto tutt’altro che violento, tutt’altro che razzista o discriminante, tutt’altro che becero o contro la squadra avversaria, perché non permettere al calcio, ai tifosi, alla gente di creare folklore, di tifare in maniera positiva (come dicono…)???

 

La pantomima ormai va avanti da anni… E noi abbiamo sempre tirato dritto per la nostra strada rischiando, come successo a Cesena, di portarci a casa striscioni, cartoncini e bandiere senza averli esposti…

 

Però è in questi momenti che pensi a Maroni, a Tavecchio, ai funzionari di Polizia, al giudice sportivo, ad Alfano,, alla tessera del tifoso, al sistema calcio, a mediaset premium e a tutti i burattini di contorno…

 

E l’unica cosa che ti viene in mente è pensare a quanto NON SIAMO COME LORO E NON LO SAREMO MAI perché continueremo a tirar dritto sventolando le nostre bandiere, cantando i nostri inni e i nostri insulti liberi, DA TIFOSI….

MA SOPRATTUTTO DA LIBERI CITTADINI!!!

 

CONTRO QUESTI BUFFONI…FINO ALL’ULTIMO DIVIETO!!!!!!!!!

 

"

 

(Tratto dalla Fanzine di Inter-sampdoria del 29.10.2014)

 

CN69