» Home » Admin
 
 
 
» News » Coreografie » Rassegna Stampa » I gruppi della Nord » Links » Scrivici
 
 
 
 
 
 
   


News Curva Nord

Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.


   
Nome argomento: News Curva Nord

Vedi tutti gli articoli per questo argomento.

Dalla Fanzine di Inter-bologna... Anticipazioni sul colore di Inter-napoli
News Curva Nord

Qui di seguito vi riportiamo l'articolo apparso nella rubrica "Zona Covo" della Fanzine di Inter-bologna:


ZONA COVO

Ragazzi del Secondo Anello Verde,
Bentornati!!!

Oggi Zona Covo è importante. Importantissima.

Si perche parliamo già della prossima partita in casa col napoli di sabato 26 aprile.
Perché?
Cori o mica cori?
No, no. Per quello c’è tempo e vedremo… (anche se il recente comunicato della Lega Calcio ci ha fatto veramente sorridere…)
Ma ne parleremo.

Oggi vi diamo una notizia bomba:
abbiamo deciso di esporre la coreografia del Derby passato, quello che verrà ricordato come il più triste della storia, proprio la partita prima del Derby di ritorno.

In tanti si chiedevano (e ci hanno chiesto) che fine avrebbe fatto quella coreografia ed ecco a voi la risposta: INTER-napoli.
Motivi particolari?
Forse si… Forse no…
Forse è la sola voglia di esporre un’imponente coreografia che ci aveva portato via cosi tanto tempo per realizzarla.
Forse, vista la dimensione (a questo punto possiamo già confessarvi che sarà di due anelli), dobbiamo fare spazio in magazzino per riporre il materiale della coreografia del prossimo derby fuori casa per la quale siamo già ovviamente al lavoro…

O forse è il contenuto della coreografia l’importante…
(No, scusate ma questo non ve lo sveliamo come da prassi accade)

Sta di fatto che la prossima in casa gran coreografia.
Ovvio c’è bisogno di una Nord stracolma come da un po’ non vediamo viste le molte partite “non di cartello” a cui abbiamo assistito a S.Siro in questi ultimi mesi…
Quindi armarsi per tempo di voglia e attenzione.
Prendete a calci anche i signorotti che anche se hanno l’abbonamento la partita la guardano a casa se piove o fa freddo…Portateli allo stadio…
Gremite la Curva come sapete fare. Si anche se l’FC non va come vorremmo che andasse.
Tanti l’hanno dimostrato di esserci sempre e comunque.
Ma altrettanti quest’anno se ne sono un po’ approfittati…
Quindi su…
Prove di Derby. Vogliamo una Nord stracolma.

Come al solito troverete sui seggiolini i foglietti di spiegazione della coreografia.
Sarà importante che seguiate alla lettera tutto quello che c’è scritto.
Sarà fondamentale la collaborazione di ognuno di voi.
Attenzione, voglia, sincronismo e rispetto dei 3 mesi di lavori che c’eravamo sparati noi ragazzi del Covo con tanto amore e dedizione.

Contiamo su di voi gente.
Riempite la Nord e collaborate.

Per noi e per il calcio…


TU SEI LA MIA VITA…ALTRO IO NON HO…


Quelli del Covo


(Tratto dalla Fanzine del 05.04.14 di Inter-bologna).



Non crediamo serva aggiungere altro...

AVANTI TUTTA!!!

CN69








RIUNIONE ANTICIPATA A MERCOLEDI 23 APRILE
News Curva Nord

A causa delle festività ed in vista dell'organizzazione della coreografia per la partita contro il napoli la riunione della prossima settimana è anticipata a mercoledi 23 aprile.

Si ricorda a tutti i gruppi che mercoledi prossimo sarà la data ultima per segnarsi per il Derby.


Vi aspettiamo numerosi


CN69



Inserite foto della Pinetina e della trasferta a Genova
News Curva Nord

Nella sez.rassegna stampa inserite le foto della presenza della Nord alla Pinetina il 12.04.14 per caricare i ragazzi prima della partita contro la sampdoria.

Nella sez.trasferte inserite le immagini della trasferta di genova del giorno dopo.



Roma-Inter. Abete 2 la vendetta...
News Curva Nord

Abete 2 la vendetta…
Dopo l’insabbiamento della vicenda cori di napoli-Inter a dicembre e il Derby prima con la Curva Nord chiusa poi riaperta avevamo sperato in un minimo di intelligenza da parte del numero uno della FIGC.
Invece niente.
Il professor Abete continua a farsi deridere dall’Italia intera che non sa ormai più se chiamarlo “buffone”, “pagliaccio”, “senza cervello”, “ignorante”, “imbecille”, o con chissà quali altri termini.
Forse è un genio del bene.
O almeno cosi lui si sente.
Sta di fatto che è riuscito a farci solidarizzare, e non ce ne vogliano i nostri FRATELLI LAZIALI, con una delle tifoserie nei confronti della quale nutriamo più odio: i romanisti.
A roma (inserite foto nella sez. trasferte) la Nord si è presentata. (grazie società roma per i 50 euro di biglietto atti a scoraggiare la gente vogliosa di trasferta)
Ma è stata una presenza silenziosa per 90 minuti ad eccezione del nostro “NOI NON SIAMO NAPOLETANI” che è stato l’unico coro prima del 90esimo e che ha fatto seguito allo striscione
“IN SILENZIO PER SOLIDARIETA’ – FIGC BUFFONI”.

Fuori i romanisti che protestavano. Dentro tutto lo stadio in silenzio con la metà dei posti obbligatoriamente vuoti.

Bello spot per il calcio italiano.

Due domande ci siamo posti:

-La pay-tv e il calcio in generale hanno successo per l’attesa dell’evento, per la mole di persone che si recano in uno stadio ad assistere la partita.
Se gli stadi sono vuoti il “prodotto calcio” si svaluta…E la gente non pagherà più gli abbonamenti in TV e farà dell’altro… (già succede ma non per gli Ultras purtroppo per voi…)
Caro professor Abete siete sicuri che avete intrapreso la strada giusta??? Sicuri sicuri???
Attenzione che quando si lancia il boomerang se si è sfortunati ce lo si ritrova sulla fronte…

-A furia di “invenzioni” come la discriminazione territoriale, la tessera del tifoso, le transenne libere, i megafoni e i tamburi vietati e le svariate e originali iniziative che avete intrapreso e vorrete intraprendere……..
Se un giorno si uniscono tutti i TIFOSI (ULTRAS E NON) di tutte le fedi calcistiche per rompere il vostro giocattolino cosa fate??? Chiamate Platini??? O i pompieri??? O forse Gargamella???



Grande Abete…

Continua cosi che prima o poi ce la facciamo…


Siamo tutti con te…


I “tuoi” Ultras.


CN69



Valencia-Dinamo Kiev. Anticipazione dalla Fanzine di Inter-torino
News Curva Nord

Qui di seguito vi riportiamo un'anticipazione della fanzine di Inter-torino dove si rende omaggio alla decennale amicizia con la Curva del Valencia:

VALENCIA

10 anni son passati da quell’ottobre 2004.
10 anni di tornei, partite a Milano e al Mestalla, bevute e momenti vissuti insieme nonostante i 1350 km di distanza che ci dividono.
Quest’anno sarà di festeggiamenti con i ragazzi di Valencia e per cominciare una rappresentanza della Nord si è recata giovedi scorso in terra spagnola per il ritorno del match di Europa League tra Valencia e Dinamo Kiev.
Aereo e arrivo a Valencia dove, appena usciti dal gate, subito ci troviamo di fronte uno striscione di benvenuto che recita: “Ottobre 2004. L’inizio di un’amicizia vera. Benvenuti a Valencia fratelli della CN69” firmato Yomus.
Brividi.
Dopo aver abbracciato i nostri fratelli spagnoli ci dirigiamo presso la loro sede.
Fiumi di birra accompagnano il principio della nostra giornata che procede sulle loro famose “Torres des serranos” per qualche foto insieme ai nostri striscioni che tanto daranno fastidio all’opinione pubblica spagnola (...)


Il proseguio dell'articolo sulla Fanzine di domenica.
(In rassegna stampa inserite invece le foto della presenza della Nord a Valencia nel pre-partita di Valencia-Dinamo Kiev di Europa League)


10 ANNI DI VERA AMICIZIA...CURVA NORD MILANO E CURVA NORD VALENCIA SEMPRE INSIEME!!!


CN69




IL CALIFFATO DELL'ILLUSIONE. Una triste storia tutta italiana.
News Curva Nord

Vi riportiamo qui di seguito un (per noi interessantissimo) articolo apparso sulla fanzine di Inter-cagliari del 23.02.14:


IL CALIFFATO DELL’ILLUSIONE.
UNA TRISTE STORIA TUTTA ITALIANA.

Il tifo vero è, per fortuna, roba che poco si addice ai portafogli pieni (anzi, li svuota). Il tifo vero ti fa spendere tempo (e non solo!), non guadagnare. Il tifo vero è sacrificio, è passione gratuita, è lottare per un ideale, per Amore, non per un conto in banca. E’ l’Emozione, senza prezzo, di sentirsi parte di un tutto. E’ ritrovarsi in migliaia a Madrid per inseguire un Sogno da sempre cercato, voluto. E’ urlare il proprio Amore incondizionato nella partita più inutile e nell’angolo più sperduto, sia Italia o Europa, per l’Orgoglio di Appartenenza. Ore infinite di viaggio, di attesa, per quegli Attimi senza tempo. E’ provare ad esserci sempre, mettersi alla prova come persone. Senza scuse, privi di maschere.
Il nostro orpello, vessillo che portiamo con gioia infinita, è la sciarpa della Curva, la felpa del gruppo, non il rolex od il macchinone. Noi abbiamo il lamierone, il pullman che nessuno vorrebbe, ma che per noi è vita. In Curva non si è né ricchi né poveri, in Curva siamo Ultras. Famiglia. Comunità.
E quindi, ovviamente, noi non abbiamo santi e nemmeno ricconi in paradiso. La nostra parte è, a detta di chi ci guadagna col pallone, quella sbagliata. Noi siamo gli unici che pagano, sotto tutti i punti di vista. Paga la fedina, pagano le tasche, paga il tempo libero. E, di solito, se non dai nostri spalti, non abbiamo voce in capitolo, mai. Parlano, legiferano, accusano noi, sempre noi, senza mai interpellarci.
Noi, cittadini normali, che non abbiamo nessuno pagato (per fortuna) per difenderci, siamo inermi di fronte alle prepotenze ed invenzioni di questa gente che manda allo sbando il calcio e non solo. E’ una logica castrata -da intelligenza e giudizio- quella che ci trova scaraventati in pozze senza fondo, ricche di bassa morale e ignominia.

Manca credibilità a questo calcio-business.
Nel calcio (e non solo) combattono la violenza dando diffide (spesso, troppo spesso) a chi non fa violenza (il recente caso degli Ultras del Milano di basket è lampante).
In politica fanno gli equilibristi per campare.. un governo all'anno per cambiare la legge elettorale ed alla fine tutto fanno tranne che cambiare la legge elettorale..Senza che mai si venga chiamati alle urne, come costituzione vorrebbe ed imporrebbe. Votiamo una cosa, ne fanno un'altra, e mettendocelo in quel posto dicono che lo fanno per noi e per il bene del paese..la crisi un giorno c'è, il giorno dopo meno..dicono..fanno niente, noi siam sempre più alla canna del gas e poi si inciuciano di nuovo per tirarci fuori dalla crisi. Che più che qualcosa di reale assume oramai dei tratti mitologici.

Nel frattempo si lamentano anche degli stadi vuoti e ti fanno spendere almeno 50 euro per andare a vedere una partita a San Siro (parcheggio, biglietto in curva e bevanda più panino).
Se sei padre e vuoi portare moglie e figli allo stadio (e vuoi andare in settore 'normale') vai a spendere sui 200 euro a partita senza consumazione.
Mentre se stai a casa hai tutto il calcio (tutto, inteso tutte le partite della terra) a 29 euro al mese..
Più vai e più spendi, nessuna agevolazione, nessun diritto.
La colpa è però del tifo selvaggio e degli impianti oramai vecchi..

Ci sarebbe l'abbonamento che permette di risparmiare si dice..peccato che il Tosel di turno, su segnalazione (a discrezione) di un osservatore (magari meridionale), può impedirti di andare allo stadio perché durante un Napoli Inter, in risposta a tutto uno stadio che canta 'Milano in fiamme' (e giustamente nessuno si scandalizza e nemmeno chiama i pompieri temendo che stia bruciando davvero il Duomo) i tifosi dell'Inter, sia milanesi, che campani, che vulcano-milanesi (e ne abbiamo!) innalzano in 300 uno stupidissimo e divertente 'Vesuvio lavali col fuoco'. Tu magari sei rimasto a casa. Ma non importa. L'equazione è presto fatta: settore ospiti uguale Curva. Quindi Curva Nord chiusa.
È un coro che si fa da sempre, che canta chiunque, senza distinzioni di classe età e di origine. Lo si fa perché è campanilismo, perché in fondo, nella vita, a volte è anche bello prendersi alla leggera, senza strafare, magari dicendo cose stupide, andando poi a bere la sera dopo col vicino di casa napoletano, scherzandoci su. Questo è sempre stato il bello del tifo. Peccato che magari Tosel e simili il tifo non sanno cosa sia. Però sono lì, ringraziando il loro signore, perché altrimenti, per campare, dovrebbero si lavorare, ma per davvero, magari in fabbrica. Oppure sarebbero, come tanti, purtroppo, disoccupati. Ma al sistema servono questi burattini, non serve che siano preparati o conoscano l'ambiente che, da un giorno all'altro, si trovano a comandare. Il sistema, il business, ha una trama già scritta, e passo dopo passo, si serve dei suoi mezzi-uomini (da non confondere con gli Hobbit, ovviamente). Tosel è li, ma in fondo è un poveraccio, corrotto ed assuefatto da logiche più grandi e bugiarde.
Ma poi, dopo questo Napoli Inter cosa può succedere?
Cavolo magari non ci avevano pensato. E se ci fosse una partita calda tipo il derby?
Ecco allora che, in maniera rocambolesca, trash e grottesca, interviene il quieto vivere e la squalifica viene sospesa a data da destinarsi. Si cerca di insabbiare. Sarebbe tutto semplicemente molto goffo. Ma il piano potrebbe prendere allora nuovi risvolti. Curva aperta è darla vinta ai tifosi, a prescindere dalla oggettiva stupidità di certi regolamenti. Qualcosa non torna. Ci pensa la legge allora.
Infatti la triste commedia potrebbe proseguire.. con l'entrata in scena gli sceriffi. Perché non inventarsi una scusa per non far entrare quello che tutti si aspettano in un derby, spesso più della partita stessa? Le coreo oggi non entrano perché bla bla bla.. Non serve cercare una logica, è molto semplice. Noi vi comandiamo, diffidiamo e mettiamo i piedi in testa come ci pare. Noi siamo gli sceriffi e voi non contate un..niente. Quindi, alla fine, ce l'hanno sempre vinta loro. Perché c'è chi può e chi no..e loro può. Non serve neanche provare troppo a ragionarci, non capiscono o non vogliono capire, a che serve?

Può capitare a noi, capita a chiunque. Curve chiuse per Milan, Lazio, Roma e Juve per esempio. Multe ai bambini che giocano a fare i grandi. Non si transige. Intanto, in Europa, pensano che siamo un popolo di razzisti. Perché non esiste da nessuna parte quest’invenzione territoriale, quindi al di là delle alpi probabilmente staranno immaginando il bel paese ricco di nuove forme di Ku Klux Klan. Vaglielo a spiegare quello che sta facendo davvero la Lega Calcio..li prenderebbero per matti.
Roma Inter, prossima partita, per quel che sappiamo sarà nuovamente con Curve giallorosse chiuse. Un turno scontato, quello appena passato, ed uno da scontare, appunto con noi. Poco importa che con le Curve chiuse, con la Sampdoria, siano partiti cori discriminatori da altri settori, dicono. Chiudiamo anche gli altri settori. Anzi, settorizziamo ancor più gli stadi, in maniera tale da circoscrivere azioni e sanzioni. Quindi. Il mondo del calcio dice che è una regola stupida e che va cambiata, cancellata; ma visto che c’è e non sanno come cancellarla (fare un bel passo indietro equivarrebbe ad intelligenza ed onestà..doti che non spiccano come requisiti nei nostri burattinai del pallone), cercano di applicarla in maniera più metodica. Vogliono punire i colpevoli!!! (ma di cosa?) E’ un controsenso. Da copione. Forma e sostanza a farsi benedire. Sempre a discrezione però. Oramai, parlare di cori, è come sui rigori. A discrezione. E’ mano ma volontaria per uno, involontaria per altri. Nel dubbio..sanzione! e via! Pagano multe lo società, ne risentono gli abbonati, ne perde il calcio e la sua credibilità.
Poi allora ecco il Genio di turno che esclama: ...Modello Inglese! (o fesserie simili). Ecco, facessero come in Inghilterra questi problemi non ci sarebbero, perché nessuno, naturalmente, da peso ai cori da sfottò. Se ne dicono di tutti i colori e stop. La differenza allora? Regaliamogli Tosel magari. Ma pure gli altri, sempre magari.

I violenti, quelli veri, stanno da altre parti, seduti su comode poltrone. Giocano con la vita delle persone, se ne approfittano, parlano di nuove leggi, di riforme, ma hanno un solo obiettivo, non cambiare niente. Finché si può. Ci marciano, spudoratamente. È la casta, che finge di governarci, che si autoelegge da sola, che fa e disfa. A piacimento, loro, delle banche (i veri padroni), degli sponsor..nel calcio come nella politica.

Non vi è legge uguale per tutti, perché non siamo tutti uguali. Ma non centrano i gusti sessuali e nemmeno il colore della pelle.

È la pedofilia del potente che schiaccia, incula e violenta le persone normali. Ogni istante. Ogni giorno.
Addio logica, addio coscienza, addio coerenza.
È il Califfato dell'Illusione.
Noi ci abbiamo provato comunque, e ci proveremo fino alla fine. Per non farci schiacciare.
In piedi tra le rovine. Per il nostro futuro, per la nostra libertà.

Perché se un uomo non è disposto a combattere per le sue idee..O non valgono niente le sue idee..O non vale niente lui.

AVANTI RAGAZZI!


(Tratto dalla fanzine di Inter-cagliari del 23.02.14)



FORZA INTERISTI!!! AVANTI TUTTA!!!
News Curva Nord

La Curva Nord ci tiene a ringraziare tutte le migliaia di persone che in queste ore hanno intasato la posta del nostro sito con messaggi di ringraziamento e approvazione, tutti gli Inter Club, tutti i “semplici” tifosi e tutti coloro che hanno espresso la propria vicinanza (anche da paesi esteri) non potendo essere a Milano con noi per cause di forza maggiore.

Il vostro totale appoggio a quanto si evince dal nostro comunicato ci da la forza per proseguire in altre iniziative di cui vi terremo aggiornati attraverso questa pagina web nei prossimi giorni e che sicuramente vi vorranno coinvolti.

La vittoria di ieri non è della Curva ma degli INTERISTI.
Quelli che passano i giocatori ma sono sempre li, quelli che di vucinic e/o guarin gli interessa relativamente, quelli che non sono tecnici ne allenatori, quelli che non sono presidenti ne dirigenti (purtroppo………..) e magari non hanno neanche i soldi per arrivare a fine mese…
Ma quelli che per la nostra Inter provano una amore viscerale difficile da spiegare.

NOI SIAMO L’INTER!!!

FORZA INTERISTI!!! AVANTI TUTTA!!

CURVA NORD MILANO 1969



La goccia che fa traboccare il vaso… FORZA INTERISTI!!!
News Curva Nord

Il passaggio che si sta concretizzando in queste ore di uno dei giocatori più importanti della rosa dell’FC Inter ad un’altra società italiana è la goccia che fa traboccare il vaso e ci fa rompere gli indugi su quel “…ora attendiamo curiosi…” che aveva accompagnato il nostro saluto al cambio di ruolo di Moratti:


-SOCIETA’
Avevamo posto delle domande al Presidente Moratti (alle quali peraltro stiamo ancora aspettando risposta visto che fa la fatica di salire ad Appiano Gentile in qualità del suo ancora ruolo…) per puntare i riflettori su una società gestita senza minimo buonsenso.
Cambiando la gestione perlomeno ci aspettavamo non si ripetessero gli stessi errori e soprattutto ci fossero cambi in tutte le “componenti di maggior decisione” della Società Inter.
Fosse preso in considerazione per ovvi motivi il principio di assunzione, in un’azienda come quella nerazzurra, di personale di indiscutibile fede calcistica.
Non si lasciasse il timone dell’Inter a un incompetente juventino come Fassone e al suo compare di merende Ricci.
Fosse cacciato seduta stante il Sig.Branca e tutta una serie di personaggi infimi che da anni attingevano soldi alla famiglia Moratti senza meritarsi un solo centesimo.
Non ne possiamo più delle tante, troppe, mele marce all’interno dell’Inter.
Quello che ci continuiamo a chiedere è: ma abbiamo un Presidente?
Ci pare di aver sentito che c’è e che non è Superman…
Ok…
Ma in tutti questi mesi di trattative cosa ha guardato??? Solo le palle degli occhi di Moratti o ha analizzato la società con le sue infinite problematiche e i suoi infiniti leccapiedi per capire chi vale e chi non vale?
Non ce ne voglia nessuno ma passare da Superman e Super-coglione è questione di attimi…
Abbiamo appena buttato via un’anno (se non di più…) grazie alle lungimiranti strategie societarie.
Questo dovrebbe essere il secondo. Ci aspetta anche il terzo, il quarto e il quinto???
L’Inter gioca in serie A e si merita una Società da serie A.
Al Sig.Thohir consigliamo di dimenticarsi il baseball, il football americano, l’NBA o altre realtà lontane anni luce dalla nostra da cui dice di prendere esempio e copiare per applicare i modelli di business a Milano.
Non ci è chiaro di preciso cosa stia facendo, cosa abbia in testa, quali fini lo spingono.
Ma vorremo vedere meno sorrisi…Vorremmo sentire meno volte la parola “business”…Vorremmo atti concreti…
Qui siamo in Italia. Paese di tradizioni e abitudini non conformi ne all’Indonesia ne agli Stati Uniti (parliamo di vita reale…senza offesa per nessuno)
E se il Sig.Thohir non può trovare nessun “uomo forte” che gestisca a più livelli una società di calcio italiana…
O è più presente…Trova il modo di esserlo…Capisce…Carpisce…Osserva…Esamina…
E comprova che tutto quello che stiamo scrivendo non è aria fritta…
Oppure lo invitiamo caldamente a rimanere a casa sua…
Senza mezzi termini…



-ALLENATORE
Non entriamo in merito alle decisioni tecniche di Mazzari.
L’importante è la serietà professionale e l’impegno.
Ci limitiamo a dire che come da buona STORICA abitudine societaria l’allenatore dell’Inter si trova in balia di tutto e tutti senza la minima difesa di nessuno.



-SQUADRA
Non siamo tecnici, allenatori, ex giocatori ne tantomeno vogliamo spostarci dal nostro UNICO ruolo che è quello di tifosi.
Però indebolire una rosa già limitata per rinforzare un’avversaria di quale politica societaria fa parte?
Guarin alla juve non è accettabile in questo momento storico.
Un giocatore giovane e tecnicamente valido per uno meno giovane?
Tutto ciò lascia perlomeno perplessi…

Con tutti i discorsi ascoltati da Thohir sul ringiovanire la rosa etc. sapete quale sarebbe l’unica politica costruttiva che accetteremmo per finire la stagione:
Arrivati a 40 punti in campo 5-6 giocatori della primavera tutte le partite!!!



-TIFOSI
Adesso è ora di unirsi gente…
Basta differenze tra Curva e altri settori.
Agli Inter Club diciamo che ora di farsi sentire concretamente, di presentarsi, se ci tengono, con quante più persone nei luoghi e nelle sedi più opportune per protestare civilmente con chi da più o meno tempo sta rovinando l’FC Inter.


Siamo stati pazienti, comprensivi e vogliamo continuare ad essere vicino alla squadra…

Ma cosi è davvero troppo!!!

Nelle prossime ore seguiranno notizie su varie ed eventuali iniziative aperte a tutto il popolo nerazzurro!!!

FORZA INTERISTI!!!

CURVA NORD MILANO 1969



LAZIO-INTER
News Curva Nord

Lazio-Inter il giorno della Befana. Lunedi ore 18.30.
Questa trasferta doveva avere un sapore particolare e cosi è stato.
All’alba dei 25 anni di gemellaggio con la Curva Nord della Lazio un rappresentanza dei nostri ragazzi è scesa a Roma domenica pomeriggio per partecipare ad una partita amichevole di calcio a 8 con i nostri fratelli laziali.(Inserite foto in rassegna stampa)
Il risultato, che passa in secondo piano per ovvi motivi, è stato 5-4 per la Nord laziale ai rigori successivo ad un 5-5 sotto il diluvio.
Dopo che la sera in un centinaio abbiamo affollato un pub tra cori, goliardia e fratellanza il giorno dopo allo stadio è stato uno scambio di messaggi importanti (vedi foto nella sez.trasferte) che fanno capire come può passare il tempo, la gente, possono reprimerci, possono arrivare provvedimenti che dividono le nostre vedute (vedi tessera del tifoso), può succedere di tutto…
Ma la nostra amicizia con i ragazzi della Lazio è, nonostante tutto, ancora oggi, INDISTRUTTIBILE!!!



“…Ultras Lazio e Ultras Inter per altri mille anni…”


AVANTI FRATELLI LAZIALI!!!


CN69



Il Derby che doveva essere - Parte 2
News Curva Nord

Per omaggiare con un pensiero (che volevamo fosse ancora più forte.......) i nostri ragazzi diffidati in occasione del Derby vi riportiamo qui di seguito l'articolo della rubrica "L'angolo del diffidato" della fanzine distribuita la sera del 22 dicembre:



L'ANGOLO DEL DIFFIDATO

E’ il giorno del Derby.
Hai già alle spalle due anni di diffida con firma…
Nella migliore delle ipotesi sono n.4 stracittadine già saltate…
Con l’atmosfera inebriante di S.Siro stracolmo, con la possibilità di sfogare tutta l’adrenalina che porta una partita del genere in quei cori di incitamento che si levano dal Secondo Anello Verde, con la possibilità di vivere l’attesa e vedere il piazzale che si riempie man mano che si avvicina il calcio d’inizio...
Con…Con…
Con non ti ricordi neanche più cosa, o meglio, fai finta di non ricordarti più nessun attimo, nessun particolare, perché non vuoi che la “tua” stracittadina non sia ancora più agonizzante…
Tutto perso…Tutto dimenticato…
Anche questa volta sarà serata di partita davanti al televisore del bar più vicino alla questura o alla caserma dove devi andare a firmare “…30 minuti dopo l’inizio e 30 minuti prima della fine…” ossia al 30esimo del primo tempo e al 15esimo della ripresa…
Però, a differenza di alcune partite un po’ meno elettrizzanti, quando arrivi al bar sei già nervoso.
Sarà la partita…
Ma forse ancor di più il fatto che devi staccare gli occhi dal televisore per circa 15+15 minuti su 90 per andare a fare due autografi e dimostrare che non sei allo stadio…
“Cazzo già non posso vivermela, non posso respirarla…sono costretto come un’ameba a starmene incollato ad una TV che è quello che nella mia vita non vorrei mai fare…e devo pure staccare gli occhi dal televisore…”
Sale la rabbia, la tensione, l’adrenalina, il nervosismo…
Arriva il momento che devi andare a firmare e incominci a pensare “ora vado…ancora un attimo…e se segnano mentre esco? Dai no…speriamo di no…il gol me lo voglio vedere in diretta…almeno non toglietemi l’esultanza da bar…”
Parti dal bar…Passo spedito…Arrivi in questura dove dovrebbero, per tuo diritto, farti entrare immediatamente, farti firmare e farti uscire…Un’operazione di un minuto al massimo…
E invece? E invece entri…denuncia di un anti-calcio vestito in giacca e cravatta a cui hanno rubato l’Iphone dimenticato in un cesso con l’appuntato di turno (più giovane di te) che segna meticolosamente parola per parola e ripete le domande 20 volte…
“Scusi…devo firmare e me ne vado via subito…” risposta: “Attenda fuori…un attimo…”
Sale il nervoso…La partita?
Passano 2 minuti…3…4…5… Rientri…”scusi…” risposta…”un attimo…” Riesci…
E incominci a pensare che lo fanno apposta…che è tutta una farsa…Ripensi che magari ti hanno diffidato perché sei entrato allo stadio col biglietto con su il nome di un altro e ti chiedi se è normale questo trattamento da pluripregiudicato… T’innervosisci…
Ti stanno facendo perdere la partita…Avranno segnato???
Rientri.
“Senta o mi fa firmare o chiamo l’avvocato…voi non potete trattenermi…sono già 10 minuti che dovevo essere andato via…” L’appuntato s’innervosisce… Ti risponde male…Discuti…
Gli vorresti staccare il collo da come ti risponde e allora si, farti diffidare per qualcosa di serio…
Finalmente interrompe la denuncia...Tira fuori il fascicolo…E lo stronzo lo fa con estrema calma…Sfila documenti, ri-infila…Quando dovrebbe avere già tutto pronto come da prassi…
“Lo sta facendo apposta???”…”senta io faccio il mio lavoro…”
“ e allora lo faccia bene che sono già 15 minuti che sono qui per una firma…”
Finalmente l’autografo.
Riesci…
Quasi corri verso il bar…
L’Inter ha segnato…
“Fanculo manco il gol mi sono visto…”
Ripensi a quanto appena successo e ti fai già venire l’ansia per la seconda firma…
Poi ti rimetti seduto…L’FC è in vantaggio…Questo è quello che conta…
DAI INTER…DAI…
……………….
……………….
……………….
La continuazione ve la risparmiamo perché pensiamo di avervi già fatto capire quali sono le emozioni che provano i nostri ragazzi diffidati ogni Derby.
Il nostro pensiero questa sera va a loro con i nostri più sinceri auguri di un felice Natale.

NON MOLLATE!!!!! LA VOSTRA CURVA VI ASPETTA!!!!!!!


DIFFIDATI SEMPRE PRESENTI


(Tratto dalla fanzine di Inter-milan del 22.12.13)


CN69